#43
Comments: 0
“Sei di Torino?” “No, di Roma” “Come mai da queste parti?” “Sto facendo un Master” “Che ne pensi di questa città?” “Mi piace molto! E’ bella, vitale, non provinciale, vivibile, piena di eventi. Mi ci trovo benissimo!” “Where are you from?” “Rome” “What brings you here?” “A Master degree” “What do you think about Turin?” “I like it very much! It’s beautiful, full of life, and events. A good place where to live” Read more!
#42
Comments: 0
“Ciao, noi siamo di Humans-Torino…” “Come Humans of New York?” “Esatto, ci ispiriamo proprio a quella pagina” “Bello! Stavo giusto pensando di essere un tipo fotogenico. Qualcuno dovrebbe fotografarmi” “Bene, lo facciamo noi.” E si racconta. Nato a Mosca. Cresciuto lungo il Don. Trasferitosi in Toscana. Ora studia medicina a Torino. “Un momento della tua vita in cui sei stato molto contento?” “Sarà la prossima settimana se riuscirò ad avere la borsa di studio” In bocca al lupo! Read more!
#41
Comments: 0
Un gruppo di amici ancora troppo giovani per avere un’auto. Girano Torino con i mezzi e già sognano l’estate del 2015. “Andremo in vacanza tutti assieme!” “Avete già un’idea della meta?” “Certo!” “Liguria” “Emilia Romagna” “Puglia” “Beh, per fortuna avete ancora un anno per mettervi d’accordo” “Sì, e poi l’unica cosa davvero importante è stare assieme!” Read more!
#40
Comments: 0
Stanno assieme da qualche mese. Lei gioca a far la dura. Lui no. Ci racconta come si son conosciuti e innamorati. Spontaneo e tranquillo. Lei è una studentessa di liceo. Lui un calciatore della Pro Vercelli che, tra un allenamento e l’altro, cerca anche di diplomarsi. Giovani e sorridenti. Read more!
#39
Comments: 0
“Qual è la tua più grande passione?” “La moto” La prossima volta sarà meglio che faccia una domanda di cui non so già la risposta. “What’s your greatest passion?” “Motorbike” Next time: less obvious question! Read more!
#38
Comments: 0
Lui sta aspettando un amico e sceglie di regalarci un po’ del suo tempo. Del resto, come dice Benni, “La vita di un puntuale è un inferno di solitudini immeritate.” Solitudini che, in qualche modo, bisogna pur riempire. Magari chiacchierando con due sconosciuti. Read more!
#37
Comments: 0
Come troviamo una faccia adatta? Giriamo per strade e piazze. Macchina fotografica uno. Taccuino l’altra. “Quella, guarda quella! Quella ragazza è perfetta!” “Sì! Ma attacca bottone tu” “Perché sempre io?” “Perché sì!” “Ciao, noi siamo di Humans Torino” La prescelta un po’ si vergogna, un po’ si fa pregare, un po’ si fa convincere dagli amici. Ma poi sorride, e cominciano le foto e le parole. Quattro chiacchiere parlando della facoltà di architettura, che è tecnica e creatività. Degli esami, che sono sempre dietro l’angolo. Di Torino, ancora in grado di regalare splendide notti d’estate senza pensieri. E poi? Poi salutiamo e corriamo a guardare le immagini. “Te l’avevo detto: perfetta” “Sì” Read more!
#36
Comments: 0
“Cosa vi piace di Torino?” “Niente” dice lui. “Tutto” risponde lei. “What do you like about Turin?” “Nothing” he says. “Everything” she says. Read more!
#35
Comments: 0
“Siamo solo amici” Dicono. “We are only friends” They said. Read more!
#34
Comments: 0
“Mi piace tantissimo stare con mio figlio. Anzi, non vedo l’ora che cresca un po’ per portarmelo in giro” “Che tenerezza: quanti anni ha il bimbo?” “Bimbo? Quale bimbo? E’ un uomo. Un vero maschio alfa dominante!” “Ah” “Comunque ha 2 anni e mezzo” “Ecco” Read more!
#33
Comments: 0
Uno dei ricordi più belli? La festa di laurea, 90 invitati ed un casco in regalo. Poi il rombo di un motore: c’era anche la moto! Read more!
#32
Comments: 0
“Sono rumena, ma vivo in Italia da molti anni. Studio scienze infermieristiche perché l’ho sempre desiderato. Lavoro e passo il tempo libero con le persone a cui voglio bene. La mia vita è perfetta. Non tornerei mai indietro.” Read more!
#31
Comments: 0
“Com’è cambiata la tua vita da quando sei diventato padre?” “In meglio! Ora è più piena, più ricca!” “Cosa consiglieresti a qualcuno che sta per avere un bambino?“ “Di non aver paura. Di essere spontaneo. Di farsi guidare dall’istinto e dal buon senso, senza seguire strane teorie o paranoie. E’ tutto molto più naturale di quanto si possa credere. Ed è anche parecchio divertente!” ************** “Did fatherhood change your life?” “Yes, it’s better now!” “What advice would you give to a future father?” “Don’t be afraid! You have to be spontaneous. Your guides must be instinct and common sense. No books or theories. To be a dad is a natural thing. And it’s very funny too!” Read more!
#30
Comments: 0
Un consiglio all’umanità? “Mai farsi intervistare da Jane Pancrazia Cole” A word of advice to humanity? “Never be interviewed by Jane Pancrazia Cole” Read more!
#29
Comments: 0
Entra nel vagone. Bella e con una grande custodia sulle spalle. Ci sorride. “Possiamo farti delle foto e qualche domanda?” “Sì” risponde semplicemente. “Cosa suoni?” “Il violoncello” “Cosa regala a te e a chi ti ascolta?” “Vibrazioni. La sua musica la si sente dentro. Nessun altro strumento fa lo stesso effetto” Read more!
#28
Comments: 0
Giovani musicisti incantano un pubblico che cercava solo un riparo e, invece, ha trovato l’arte. Read more!
#27
Comments: 0
In via Roma troviamo la musica, la bellezza e la poesia. We find music, beauty and poetry in via Roma. Read more!
#26
Comments: 0
Il tesoro nascosto di una giornata di pioggia. The secret treasure of a rainy day. Read more!
#25
Comments: 0
Lo vediamo da lontano. Ci piace talmente tanto che c’infiliamo di corsa nel suo vagone. L’italiano è stentato, ma il sorriso aperto e la voglia di comunicare tanta. Con poche parole ci racconta una vita ricominciata in Italia quattro anni fa. Un nuovo paese. Un nuovo lavoro. E’ arrivata la sua fermata. Deve andare. Non facciamo neanche in tempo a dargli l’indirizzo del sito. Lui non smette di sorridere. Grazie. *********** We see him from afar. We like him very much. He doesn’t speak italian very well, but he has a sincere smile and desire to communicate. He tells about a new beginning in Italy. A new country. A new job. We arrive at his metro station. He has to go but doesn’t stop to smile. Thanks. Read more!
#24
Comments: 0
Le ho chiesto un consiglio. “Vogliti bene” mi ha risposto. An advice? “Love yourself” she said. Read more!
#23
Comments: 0
Fermare un giovane milanese in gita, e scoprire che per lui Torino è: “Arte, architettura, storia, energia, saper vivere” A young man from Mailand. “Turin is art, architecture, history, energy and savoir vivre” Read more!
#22
Comments: 0
Un confronto tra Danimarca e Italia. Differenze e somiglianze. Clima e stile di vita. Politica e senso civico. E poi? E poi ci pensa il più piccolo del gruppo a chiudere il dibattito: “Voglio vivere per sempre in Italia perché qua si fa colazione con biscotti e brioche” Denmark vs Italy. Differences and similarities. Climate and lifestyle. Politics and civic duty. And then? And then the younger of the group says: “I want to live in Italy forever. Italians eat biscuits and cakes for breakfast!” Read more!
#21
Comments: 0
Un confronto tra Danimarca e Italia. Differenze e somiglianze. Clima e stile di vita. Politica e senso civico. E poi? E poi ci pensa il più piccolo del gruppo a chiudere il dibattito: “Voglio vivere per sempre in Italia perché qua si fa colazione con biscotti e brioche” Denmark vs Italy. Differences and similarities. Climate and lifestyle. Politics and civic duty. And then? And then the younger of the group says: “I want to live in Italy forever. Italians eat biscuits and cakes for breakfast!” Read more!
#20
Comments: 0
Ha scelto Torino tre anni fa. Quasi per caso. Non si è ancora pentita. Anzi. Lavora, scrive, recita e si lamenta dei commenti inopportuni di Sergio Sasso. ********* She chose Turin three years ago. Almost by accident. She didn’t change her mind. On the contrary. She works, writes, plays and doesn’t like Sergio Sasso’s inappropriate jokes. Read more!
#19
Comments: 0
50 anni fa dalla Puglia a Torino. “La parte conservatrice della città, quella dei cartelli ‘non si affitta ai meridionali’, ha fatto resistenza. Ma quella illuminata, libera e liberale, ci ha accolto. Abbiamo ricevuto e abbiamo dato. Contribuito alla crescita di Torino, non solo come manodopera e forza lavoro, ma anche entrando a far parte e sviluppando il tessuto sociale e culturale. Abbiamo dedicato la vita a questa città che è diventata di diritto anche nostra.” Read more!
#18
Comments: 0
Una donna piena di colori. Una vita piena di colori. “Come ha dipinto la sua esistenza?” “Grazie ai viaggi. Ho visitato ¾ del mondo” A woman full of colors. A life full of colors. “How did you paint your time?” “Traveling. I visited ¾ of the world” Read more!
#17
Comments: 0
“Se si deve lavorare, meglio farlo divertendosi, in mezzo ai colori.” “Have you to work? It’s better in a place full of fun and colors!” Read more!
#16
Comments: 0
  Un consiglio? “Non dimenticare mai di essere gentile con gli altri”   “Give me one advice” “Don’t forget to be gentle” Read more!
#15
Comments: 0
Un cilindro e un caschetto viola per godersi ogni attimo della vita. A top hat and a purple bob to enjoy every moment of life. Read more!
#14
Comments: 0
“Tu non sei normale, io neppure” “You are not normal. Me neither” Read more!
#13
Comments: 0
“Il tuo posto preferito?” “Il bagno. Ci faccio tutto. Ci guardo anche i film” “What’s your favorite place?” “The bathroom. It’s my media room.” Read more!
#12
Comments: 0
Una sigaretta prima del lavoro. Un’amica che ride e non vuol farsi fotografare. “Il ricordo più bello?” “Quando ho incontrato mio marito” “Il più brutto?” “Quando è volato in cielo” Un tiro più deciso alla sigaretta. Silenzio. She lights a cigarette. Her friend laughs. “What’s your best memory?” “The first time I met my husband” “And your worst?” “When he died” She smokes. Nobody laugh anymore. Read more!
#11
Comments: 0
Unicef. Due studenti: un iraniano e un’italiana. Trascorrono un sabato in centro dietro un banchetto. Dedicano il tempo a campagne di sensibilizzazione, vaccinazioni, campanelli e nastri azzurri. E sorridono. Sorridono tanto. Read more!
#10
Comments: 0
Il designer e la ballerina. “Cosa siete l’uno per l’altra?” “Boh” He’s a designer. Sh’es a dancer. “What kind of relationship is yours?” “No idea” Read more!
#9
Comments: 0
A un esame dalla laurea in Agraria. “Passioni?” “Faccio il bassista in un gruppo Metal” “Sogni di gloria?” “No, sono nato nel decennio sbagliato. Ora si sfonda solo con il pop. A me basta suonare” Read more!
#8
Comments: 0
Un veronese con un passato a Monaco, un amore per Trieste, e uno slancio speciale nei confronti di Torino. “Verona è rigida. Monaco morigerata. Trieste stramba, un po’ austroungarica un po’ bohémienne. Torino è elegante, aristocratica, mai sfacciata” “E tu?” “Io?” “Tu quale città sei?” Ci pensa un attimo e poi risponde: “Verona” “Rigido?” “Sì”, dice quasi sorpreso da se stesso. A young man from Verona. A past in Munich. A love for Trieste. A weakness for Turin. “Verona is strict. Munich is serious. Trieste is a strange place, a little bit Austro-Hungarian a little bit bohémienne. Turin is chic, aristocratic, never impudent” “And you?” “Me?” “Which city are you?” He thinks a moment: “Verona” “Strict?” “Yes”, he answers surprised from himself. Read more!
#7
Comments: 0
Quattro chiacchiere ai piedi del cavallo di bronzo. “Cosa fai?” “Studio per la tesi” “In cosa ti stai laureando?” “Psicologia” “Ti piace ancora come all’inizio o hai cambiato idea nel frattempo?” “No, mi piace ancora molto” “E dopo che farai?” “Non lo so, ho tante idee e progetti, ma per ora sono solo questo: idee e progetti” “Sei di Torino?” “No, sono di Vercelli” “Come ti trovi qua?” “Il primo anno è stato da esaurimento. La confusione. Il tram sotto casa a tutte le ore. Un altro mondo!” “E adesso?” “Ora sto benissimo. Cambierei città solo per una buona opportunità di lavoro” “Grazie per il tuo tempo e in bocca al lupo!” “Prego e crepi!” A good chat under the bronze horse. “What are you doing?” “I’m studying for the graduation thesis” “What’s your field?” “Psychology” “Do you like it?” “Yes, very much” “What will you do after the graduation?” “I don’t know. I have only ideas and projects, but nothing concrete” “Are you born in Turin?” “No, I’m from Vercelli” “Do you like Turin?” “Yes, but the first year here was a nightmare. I wasn’t ready for a city so chaotic” “And now?” “I love it! I’d change place […] Read more!
#6
Comments: 0
Da Roma alle Maldive. Dalle Maldive a Torino. From Rome to Maldives. From Maldives to Turin. Read more!
#5
Comments: 0
Sfoggiando un anello di fidanzamento e un estatico sorriso. “Lui ha organizzato un pic-nic sulla spiaggia e poi me l’ha chiesto: -mi vuoi sposare?-“ “E tu?” “Io ho pianto. Ho pianto tutto il tempo” An engagement ring and a big smile. “He organized a beach picnic and then asked -will you marry me?-” “And you?” “I cried all the time” Read more!
#4
Comments: 0
      “Bisogna vivere le emozioni che la vita ci offre, senza preoccuparsi di giudizi e convenzioni” “Let emotions run your life. Don’t worry about judgments and conventions” Read more!
#3
Comments: 0
“Un consiglio all’umanità? Mai friggere le patatine da nudo” “An advice for humanity? Don’t fry the chips when you’re naked” Read more!
#2
Comments: 0
Prima ingegnere a Napoli, ora falegname a Torino. “Come ti trovi qui?” “Benissimo. È una città calda, piena d’amore” Engineer in Naples, before. Carpenter in Turin, now. “Do you like it here?” “Yes! This is a city full of love!” Read more!
#1
Comments: 0
A quattro anni vestiva i panni dell’infelice Desdemona. Ora: “Vengo più lasciata che presa. Delle volte mi lasciano ancora prima di prendermi” She was a little girl dressed up like sad Desdemona. And now? “Men leave me. Sometimes they leave me even before they catch me!” Read more!